Windows 10, come sappiamo, ha diverse applicazioni integrate tra cui: Cortana”, “OneDrive”, “Xbox”, “Edge”, lo “Store” (anche se già presente da Windows 8) e molte altre

Queste applicazioni sono bloatware. Non abbiamo alcuna possibilità di toglierle e dobbiamo accettarle senza proteste, perché non abbiamo modo di fare altro. Non abbiamo idea neanche di come operino precisamente, sappiamo solo che ci sono.

Alcune si rimuovere attraverso Powershell, ma vengono reinstallate all'aggiornamento successivo.

Il Software libero è l'unica alternativa a quest'imposizione. Su una distribuzione Linux si può cambiare interamente l'interfaccia grafica o si può cancellare qualsiasi programma preinstallato solo con il terminale (ma anche file di sistema purtroppo, ciò ci ricorda tristi giorni che sarebbe meglio dimenticare).

Il Software Libero in quanto libero, inoltre, ci consente di scavare nel profondo della sua anima e carpirne ogni oscuro segreto senza problemi.